#WorldCancerDay – La storia dei dottori volontari

Gli specialisti Mauro Pozzo, Roberto Perinotti ed Enrico Bolla (con Adriana Paduos) apriranno il nuovo ambulatorio dedicato al colon-retto

Gli specialisti Mauro Pozzo, Roberto Perinotti ed Enrico Bolla (con Adriana Paduos) apriranno il nuovo ambulatorio dedicato al colon-retto

Ha avuto una grande diffusione sui social network, nei mesi scorsi, l’iniziativa dell’Auser di Borgomanero, che ha radunato un gruppo di primari in pensione, resisi disponibili per offrire cure gratis a chi ne avesse necessità. Un’iniziativa nobile che al Fondo Edo Tempia è “pane quotidiano”: se dal 1981 è nella missione dell’associazione mettere a disposizione dei cittadini analisi cliniche e consulti con gli specialisti – e farlo gratis -, questo è reso possibile anche perché c’è una squadra di più di venti medici che regalano il loro tempo e le loro conoscenze lavorando da volontari negli ambulatori, tra Biella, Cossato, Santhià e la Valsesia.

Tra questi c’è anche Adriana Paduos che, da direttore sanitario del Fondo, coordina la squadra, oltre a svolgere da volontaria più di 500 visite senologiche in un anno: «Io sono pensionata, come alcuni dei medici del team, mentre molti sono ancora in attività. La caratteristica comune è che tutti mettono a disposizione degli utenti del Fondo il loro tempo e di questo non possiamo che ringraziarli perché lo sottraggono a impegni che per loro possono essere più redditizi. E il valore aggiunto per i cittadini è notevole: chi entra negli ambulatori del Fondo Edo Tempia sa di poter contare sull’esperienza di medici di grande valore».

Sono undici le specialità coperte dagli specialisti, che ricevono i pazienti non solo negli ambulatori di via Malta 3 a Biella ma anche nelle sedi staccate di Cossato, Santhià, Ponzone e in Valsesia al Centro Prevenzione Tempia di Gattinara e a Varallo, senza contare gli ambulatori mobili e le iniziative particolari come le campagne di prevenzione nelle aziende (quella tra i dipendenti dei supermercati Coop del nord-ovest coinvolge da sola circa 700 persone). Quattro sono i senologi: insieme ad Adriana Paduos ci sono Emanuela Tini, Mariapaola Sala Hugo e, in provincia di Vercelli, Mario Scansetti. Antonino Monaco “presidia” gli ambulatori di ginecologia, Gianluca Averono e Roberto Teglia quelli di otorinolaringoiatria. Giuseppina Zanierato è la specialista in pneumologia e Daniela Vegis in cardiologia. Il team di urologia, impegnato nelle campagne di prevenzione del tumore alla prostata, è composto da Ivo Dato, Sabino Quaranta, Luisa Zegna, Fabiola Liberale, Elena Cianini e Sergio Cavallaro.  Il Progetto Grissino, la campagna del Fondo Edo Tempia per la prevenzione attraverso l’alimentazione corretta e il contrasto all’obesità, è seguito dai nutrizionisti Maria Francesca Mosca e Sebastiano Spagnolello. La fisioterapia per pazienti oncologici è messa a disposizione da Giuseppe Stagno.

«A questi presidi ormai storici» spiega Adriana Paduos «se ne stanno aggiungendo altri, con nuove specialità: la disponibilità di Vito Zampaglione, primario emerito dell’ospedale di Biella, ci ha consentito di avviare un ambulatorio per la prevenzione delle patologie alla tiroide. Adelaide Minato è una giovane nutrizionista che offrirà consulenze ai pazienti oncologici nella nostra sede di via Malta. E un nuovo ambulatorio, dedicato alle patologie di intestino e colon-retto, sarà avviato grazie all’impegno di Roberto Perinotti, Mauro Pozzo ed Enrico Bolla». Il loro impegno è a titolo gratuito così come gratis sono le loro prestazioni per gli utenti. «Ma molti» sottolinea Adriana Paduos «sono soddisfatti del consulto e ci lasciano comunque un’offerta, un aiuto prezioso per proseguire nella nostra attività». Le prenotazioni si ricevono allo 015.351830 o allo sportello di segreteria del Fondo Edo Tempia aperto dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 18 in via Malta 3.

Vai al menu delle storie