Corsa della speranza

La Corsa della Speranza è nata nel 2004 come Terry Fox Run, appuntamento biellese di un circuito italiano di manifestazioni legate alla ricerca sul cancro. Ancora oggi è questo il senso profondo di una domenica da trascorrere in compagnia e all’insegna dello sport e della solidarietà: il Fondo Edo Tempia che organizza la competizione, supportato dal Panathlon e patrocinato dalla città di Biella, destina i proventi delle iscrizioni ai progetti seguiti dai laboratori di genomica e di oncologia molecolare, le due realtà di eccellenza della scienza medica che hanno sede in città.
L’appuntamento è per la terza domenica di settembre in piazza Vittorio Veneto, nel cuore di Biella. A ogni partecipante viene tradizionalmente consegnato un piccolo pacco-gara con uno zainetto ricordo e con la maglietta, che i fedelissimi della corsa amano collezionare. Ce n’è stata una anche nel 2020, nonostante l’edizione sia saltata, come tantissime altre manifestazioni pubbliche bloccate dalla pandemia e dalla prudenza necessaria per evitare occasioni di contagio.

«Ogni anno siamo pronti a tornare con lo stesso entusiasmo» dice Anna Rivetti, vicepresidente del Fondo Edo Tempia e guida del comitato organizzativo. «Il nostro desiderio è di accogliere a braccia aperte i tanti amici che hanno sempre sostenuto la Corsa della Speranza. Sono loro i veri protagonisti a cui dire grazie. Altrettanta gratitudine va ai nostri sponsor, piccoli e grandi, che non smettono di starci vicino».

Non c’è mai classifica al termine dei cinque chilometri di anello urbano del percorso, anche se c’è sempre chi spinge sull’acceleratore per la soddisfazione di tagliare il traguardo per primo. Come in ogni “non competitiva” che si rispetti, il passo è libero: si può correre o anche solo passeggiare. Non ci sono limiti di età (nel 2019 l’iscritto più anziano aveva 91 anni) né di fantasia: per questo può capitare di vedere un pettorale anche indossato da un cane, felicissimo di seguire un itinerario nuovo per una passeggiata diversa dal solito. Per tutti, al traguardo, c’è un piccolo ristoro oltre alla consapevolezza di aver dato, divertendosi, un aiuto concreto alla ricerca sui tumori fatta a Biella.

La nostra newsletter ti aspetta!

aggiornamenti continui sulle nostre attività

I nostri servizi

Cosa facciamo