Il Fondo Edo Tempia

La storia

Quando, nel febbraio del 1981, Elvo Tempia convocò la prima conferenza stampa per raccontare il suo progetto, il figlio Edo era morto da poche settimane. Aveva 35 anni quando le conseguenze di un melanoma lo piegarono. Nella stanza accanto, all’ospedale di Biella, il padre ebbe la notizia da don Ferraris: «Il cuore mi scoppiava, la pressione mi era salita» raccontò in un saggio di Pier Francesco Gasparetto. «Mi avevano fatto stendere su un letto vicino. Non so quanto rimasi in quello strano e agitato dormiveglia».
Da quell’immenso dolore, però, germogliarono l’energia e il desiderio di adempiere a una promessa. Edo Tempia era ricoverato a Parigi, in un’epoca in cui la sanità italiana faticava a tenere il passo dei progressi della medicina sui tumori, quando disse al padre: «Dobbiamo fare qualcosa di simile anche noi a Biella». Guardava l’efficienza del personale e la modernità delle apparecchiature ed Elvo Tempia non dimenticò quelle parole: «All’inizio ero solo, scrivevo lettere a destra e a sinistra, bussavo a porte» raccontò. Bastarono poche settimane perché, al suo fianco, si schierasse una moltitudine di persone. Medici e cittadini di buona volontà lo aiutarono a definire le finalità della nascitura associazione. Ma soprattutto le persone comuni, insieme ai primi imprenditori, cominciarono a sostenerlo in modo concreto e commovente, con le donazioni: a marzo del 1981, un mese dopo l’annuncio dell’iniziativa, nel salvadanaio c’erano già dieci milioni di lire di offerte. Un anno dopo erano già diventati cento.
E mentre, nello studio di un notaio cittadino, il 4 giugno veniva firmato l’atto costitutivo del Fondo Edo Tempia (le finalità: assistenza ai pazienti, formazione per i medici, acquisto di attrezzature per l’ospedale), il primo sostegno concreto fu per un ragazzino di 13 anni a cui vennero coperte le spese per viaggio e cure in un ospedale di Parigi.
Il Fondo Edo Tempia ha una casa nel cuore di Biella, in via Malta 3, in una villa donata negli anni Ottanta da Ugo Canepa, grande amico di Elvo Tempia. Oggi è una associazione a carattere volontario, riconosciuta e registrata. Fin dalla sua costituzione ha avviato e sviluppato le attività che hanno contraddistinto la sua storia: i programmi di screening (mammografico, citologico e colon-retto), le borse di studio per medici e infermieri, la prima squadra specializzata nelle cure palliative domiciliari, la psiconcologia, il supporto all’Asl di Biella, il sostegno alle famiglie bisognose, il Registro Tumori (nato nel 1995), e altre attività e progetti volti alla promozione e alla salute dei cittadini.

Il Fondo Edo Tempia ha operato al fianco dei malati di tumore nel campo dell’attività:

Prevenzione

Ricerca scientifica

Aggiornamento
apparecchiature
diagnosi

Cura malati

Il Fondo Edo Tempia, dalla sua nascita nel 1981, è un’associazione di volontariato senza scopo di lucro.
Con la nascita, della Fondazione Edo ed Elvo Tempia nel 2005, ha ridefinito il suo carattere di associazione di volontariato, che opera in sinergia con la Fondazione stessa concorrendo alle medesime finalità.
Il Fondo Edo Tempia vive grazie al sostegno di 150 volontari, coinvolti in attività di sostegno ai pazienti nelle strutture ospedaliere, nell’hospice, a domicilio, tutti formati con corsi di alta qualità tenuti da esperti del settore e supervisionati da psiconcologhe. Sempre i volontari si occupano delle attività di trasporto dei pazienti sottoposti a terapie anche, a volte, in luoghi lontani, oltre che in attività di promozione, organizzazione e supporto ad iniziative e progetti del Fondo e della Fondazione.
Il Fondo Edo Tempia opera in modo integrato e sinergico con la Fondazione Edo ed Elvo Tempia, in collaborazione con le aziende sanitarie territoriali, le università e i centri di Ricerca al fine di sostenere e migliorare i programmi oncologici della Regione Piemonte.
Svolge attività di utilità sociale nel settore assistenziale e sanitario per la tutela della salute umana in ambito oncologico. Aderisce ai principi della Carta Etica e ha ottenuto il riconoscimento dell’Istituto Italiano della Donazione per l’etica e la trasparenza degli enti no profit.

Lo statuto

Lo statuto e l’atto costitutivo del Fondo Edo Tempia sono a disposizione, da leggere e da scaricare, cliccando su questo link.

Codice etico

Il codice etico del Fondo Edo Tempia fornisce indicazioni e orienta le decisioni e i comportamenti di tutti coloro che, a vario titolo, operano nell’associazione. È uno strumento che vuole ricordare a tutti il valore positivo che rappresenta lavorare in una istituzione che deve caratterizzarsi, innanzitutto, per la sua reputazione di assoluta integrità morale. L’esigenza del Fondo Edo Tempia è di raccomandare, promuovere o vietare determinati comportamenti nel rispetto delle leggi, delle normative internazionali e degli standard etici che governano le attività intraprese dallo stesso. Il documento contiene i principi di comportamento in cui il Fondo Edo Tempia si riconosce, sui quali fonda la propria gestione ed ai quali deve attenersi chiunque sia legato allo stesso.
Il consiglio direttivo ha deliberato e approvato i seguenti valori a cui il Fondo Edo Tempia deve attenersi.

  • Impegno e integrità morale: tutte le figure professionali e non che operano al Fondo Edo Tempia devono sentirsi moralmente impegnate a corrispondere alle esigenze delle persone e fornire prestazioni al più alto livello.
  • Centralità della persona: tutte le persone e pazienti che afferiscono alle attività del Fondo Edo Tempia hanno diritto alla qualità della vita, all’integrità fisica e mentale, alla dignità, al rispetto della privacy, dei propri valori e idee morali, culturali, filosofiche, ideologiche e religiose, a non essere discriminati.
  • Efficacia ed efficienza: sono requisiti essenziali per garantire maggiori risultati per i beneficiari finali, ottimizzando le risorse.
  • Imparzialità, indipendenza ed equità: tutti devono avere la garanzia che i fondi raccolti sono impiegati in modo indipendente da condizionamenti politici, ideologici, commerciali, con giustizia, senza favoritismi e senza che vi siano discriminazioni di ogni tipo. Il comportamento di chiunque lavori nel Fondo Edo Tempia non dovrà essere condizionato da nessuna situazione di conflitto di interesse.
  • Correttezza: tutto il personale ha diritto a un trattamento equo e corretto.
  • Trasparenza e completezza dell’informazione: devono essere la base dello scambio con tutti gli interlocutori, siano essi donatori, membri della stessa organizzazione, beneficiari finali.
  • Coerenza tra le finalità dichiarate e le destinazioni dei fondi: un principio che comporta non soltanto la chiarezza degli intenti delle organizzazioni, ma anche un efficace sistema di controllo dei costi.
  • Ricerca e innovazione: questi due valori rappresentano il presupposto della mission del Fondo Edo Tempia e sono essenziali per aumentare la qualità delle attività svolte dallo stesso. questi due valori rappresentano il presupposto della mission del Fondo Edo Tempia e sono essenziali per aumentare la qualità delle attività svolte dallo stesso.

La nostra newsletter ti aspetta!

aggiornamenti continui sulle nostre attività

I nostri servizi