Lo spettacolo Cthulhu Resurrection per sostenere il Fondo Edo Tempia

Domenico Calvelli e Quivisdepopulo

Domenico Calvelli e Quivisdepopulo (alias Carlo Scola)

Un notaio con un “nom de plume” che usa per coltivare la sua passione per la musica, il presidente dell’ordine dei dottori commercialisti che scrive sceneggiature e poesie e ha un abito di scena da sacerdote: sono Carlo Scola, in arte Quivisdepopulo, e Domenico Calvelli i protagonisti del progetto Cthulhu Resurrection che, per questo Natale, si trasformerà in una performance musical-teatrale e in un appuntamento con la solidarietà. Lo spettacolo che andrà in scena mercoledì 22 dicembre al palasport di via Paietta a Biella ha un secondo fine nobile: il ricavato sosterrà i progetti del Fondo Edo Tempia. Le prevendite (i biglietti costano 10 euro) sono già partite alla segreteria del Fondo in via Malta 3, aperta dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 18, da Cigna Dischi e al Glamour Café a Biella e al Disco d’Oro a Cossato. L’ingresso sarà consentito ai soli possessori del cosiddetto “super green pass”.

Cthulhu Resurrection nasce dalla comune passione dei due autori per le opere di Howard Phillips Lovecraft, maestro del genere horror-fantasy. Cthulhu, frutto della sua penna, è una divinità immaginaria adorata dalle razze extraterrestri che popolarono la Terra prima dell’uomo. Scola gli dedicò una canzone scritta negli ormai lontani anni Ottanta. Calvelli ha collocato tra Biella e Rosazza la ricerca del nascondiglio segreto del Necronomicon, il misterioso manoscritto citato da Lovecraft, in un suo racconto intitolato “Esso vive”. Dalla fusione di note e parole è nato il progetto che si è sviluppato in musica, video e testi teatrali, gli stessi che si vedranno in scena al palasport di via Paietta con un ospite speciale: l’attore e cabarettista ligure Enrique Balbontin, che il pubblico televisivo ricorda per le sue lezioni di savonese a Colorado, su Italia 1.

Sul palco si alterneranno, oltre a Scola e a Calvelli che vestirà i panni di padre Shimon, il professor Abraham Steinberg interpretato da Marco Strona, la presenza nei video di Paolo e Fosca Zanone (nel ruolo dell’archeologa che aiuta padre Shimon nella ricerca), Anna Francia a guidare i cori, i musicisti della band che accompagna Toto Cutugno e un corpo di ballo coordinato da Emily Angelillo della scuola di danza Dance4. Curerà la parte audio Celeste Frigo, ingegnere del suono, tra gli altri, di Mina. L’appuntamento è per le 21.