Il Trofeo delle Merende a sostegno del Fondo Edo Tempia con Perosino-Verzoletto in gara

Dopo lo stop forzato al Rallye di Sanremo, nel fine settimana dell’alluvione nel Nord Ovest, Patrizia Perosino e Veronica Verzoletto sono pronte a tornare in strada. E lo faranno in una competizione che condivide con loro l’impegno e la solidarietà: al Trofeo delle Merende che si disputerà domenica con partenza e arrivo a Santo Stefano Belbo tutte le auto presenteranno sulla livrea il logo del Fondo Edo Tempia. La caratteristica di questa competizione è proprio raccogliere fondi per la ricerca medico-scientifica. E se la principale beneficiaria dei 40mila euro devoluti in questi anni è stata un’associazione che si occupa dei malati di fibrosi cistica, quest’anno il sostegno arriverà anche al progetto “3Tx3N”, il programma dei laboratori biellesi per trovare diagnosi e cure più efficaci per il cancro alla mammella triplo negativo, più resistente alle terapie tradizionali.

La competizione in terra cuneese era stata programmata per dicembre 2019 ma un’ondata di maltempo aveva causato frane e smottamenti sulle strade su cui si sarebbero dovute disputare le prove speciali. Adesso è arrivato il momento di recuperarla e la risposta degli iscritti è stata entusiasta: sono più di 140 gli equipaggi al via che affronteranno i sei tratti cronometrati sulle curve attorno a Santo Stefano Belbo. Patrizia Perosino e Veronica Verzoletto saranno al via con il numero 21 a bordo della Skoda Fabia R5 della scuderia Pa Racing. La gara servirà ad avvicinarsi all’ultima prova su asfalto del Campionato italiano rally, il Due Valli in calendario il 22 e 23 ottobre in Veneto. Le due biellesi, madre e figlia, sono in vetta alla classifica femminile, dopo aver già la matematica certezza di aver conquistato il trofeo riservato alle donne per le sole gare su asfalto, e Patrizia Perosino è, come l’anno scorso, la miglior pilota Over 55. Nel frattempo hanno trovato anche il tempo di posare come testimonial del progetto GenomicArt Limited Edition, che lega arte, moda e ricerca scientifica e i cui proventi finanzieranno i progetti del laboratorio di genomica.