Una nuova Auto per il servizio di cure palliative domiciliari

Francesca Ricca  (psiconcologa all'hospice di Gattinara), Tina Caltavuturo (medico cure  palliative all'hospice di Gattinara) e Viola Erdini Tempia  (co-presidente Fondazione Tempia).

Francesca Ricca (psiconcologa all’hospice di Gattinara) Tina Caltavuturo (medico cure palliative all’hospice di Gattinara) e Viola Erdini (co-presidente Fondazione Tempia)

Il 27 giugno la Fondazione Edo ed Elvo Tempia Onlus ha acquistato una nuova autovettura che sarà destinata alle cure palliative domiciliari della Valsesia al fine di rafforzare un servizio territoriale fondamentale per la qualità di cura e di vita dei pazienti oncologici terminali e dei loro famigliari. Un servizio che vede la Fondazione Tempia al fianco dell’ASL VC, già dal 2009, integrando la équipe diretta dal dottor Giorgio Delzanno con la messa a disposizione di medici e psicologi esperti nella terapia del dolore e nel fine vita. La copertura finanziaria necessaria a pagare i contratti del personale medico e psicologico deriva dalla raccolta fondi che la Fondazione Tempia, insieme all’associazione di volontariato Fondo Edo Tempia, mette in atto ogni anno sul territorio vercellese, con la piena collaborazione e fiducia della popolazione, delle aziende e delle istituzioni. Anche in questo caso, l’acquisto dell’auto è frutto di una raccolta fondi territoriale, svolta grazie all’instancabile e prezioso aiuto dei volontari. La nuova autovettura doveva inizialmente essere destinata al trasporto dei pazienti, tuttavia la necessità di rafforzare il servizio di cure palliative di un mezzo che permettesse ai medici di visitare i pazienti nella propria casa, a domicilio e nel momento del maggiore bisogno, ha fatto sì che si condividesse con il territorio, con le istituzioni coinvolte e con lo stesso servizio dell’ASL VC, la scelta di destinare l’automezzo alle cure palliative. La raccolta fondi promossa a tal scopo ha raggiunto tra il 2014 e il 2015 l’importante somma di Euro 15.964,70, di cui Euro 9.190 destinati alla acquisto di una nuova Suzuki Celerio, venduta dalla Concessionaria Borgocar Due di Borgosesia che aveva attivamente partecipato ad alcune iniziative ed eventi di raccolta fondi. La restante somma di Euro 6.774,7 è attualmente impiegata a sostegno delle attività ambulatoriali fisse e mobili che si stanno svolgendo nel territorio della Valsesia, attività che rappresentano un passo fondamentale per la prevenzione contro il cancro, in particolare attraverso la diagnosi precoce  di alcune patologia tumorali non coperte dai programmi di screening regionali, in cui la stessa Fondazione Tempia collabora dal 2007 con l’ASL VC per garantirne qualità e continuità. Ricordiamo, infine, che tutte queste attività e servizi sono rivolti gratuitamente a tutta la popolazione a cui va il nostro più sentito ringraziamento per il continuo sostegno e  la fiducia accordataci in tutti questi anni, trentacinque nel Biellese e nove nel Vercellese. Grazie ancora.